Gli ingredienti del mio lavoro

Quali sono gli ingredienti spontanei del tuo business?

Con questa domanda si chiudeva la newsletter di Le Petit Rabbit ricevuta pochi giorni fa: Giulia illustrava i suoi e offriva alle prime tre che avrebbero risposto indicando i loro ingredienti un’illustrazione per raccontarli. Pochissimo tempo per rispondere, quindi in pochi minuti ho buttato giù: impegno, amore, curiosità.

I miei ingredienti-Adriana-RGB
Il risultato è meraviglioso ❤

Ma quando, del resto, avevo avuto per l’ultima volta il tempo per riflettere con calma sulla mia pozione magica? Più che un filtro per far nascere sentimenti nobili, un frullatore impazzito.

Così ci ha pensato il mio corpo solo qualche giorno dopo, regalandomi uno stop forzato in grande stile, con un nome ben preciso: polmonite. Spavento, torpore, prostrazione, ripresa lentissima gli ingredienti naturali. Riposo assoluto quello prescritto dai medici sulla ricetta, insieme a un giusto mix di antibiotici, q.b..

Aggiungo io la fortuna di essere incappata in una patologia potenzialmente grave ma guaribile, le coccole della mia famiglia, la sensazione di impotenza che provocano le cose che non possiamo controllare e che neanche tanto gestire – perché gestiscono noi).

E poi in qualche modo si è dispiegata una nuova consapevolezza, e così chissà se i miei ingredienti di oggi sarebbero gli stessi di quando me l’ha chiesto Giulia nella sua newsletter? La realtà è che gli ingredienti spontanei della nostra vita, e non solo quelli del nostro business, cambiano e si mescolano in modo diverso ogni giorno, a ogni nuovo incontro, suono, libro, esperienza.

Ora che di questo percorso intravedo, seppure ancora un po’ distante, la via d’uscita, semplicemente mi ritrovo più grande, come tutti i grandi che devono imparare a dosare le forze.  Per concentrarle su qualcosa di speciale, di bello, che ne valga la pena. Una lezione meravigliosa.

Annunci

Il Jazz Day UNESCO ad Alba con Milleunanota

Per il settimo anno la Capitale delle Langhe nel programma mondiale di eventi

L’associazione Milleunanota di Alba è stata la prima sul territorio, nel 2012, a organizzare eventi in occasione dell’International Jazz Day UNESCO e a godere del relativo patrocinio della Commissione Nazionale Italiana UNESCO: anche quest’anno vogliamo celebrare questo genere che tanto si presta a rappresentare il confronto culturale, l’arricchimento reciproco e la condivisione attraverso la musica.

Il programma dell’edizione 2018 vede nuovamente la Capitale delle Langhe come fulcro del jazz piemontese, con un ricco programma di ospiti internazionali.

“Sin dall’inizio abbiamo creduto in questo evento, che della musica racconta un aspetto che ha della magia: il suo potere di unire le persone”, afferma il presidente di Milleunanota Filippo Cosentino.

“Anche quest’anno grazie a Milleunanota ed all’intraprendenza di Filippo Cosentino Alba festeggerà degnamente l’UNESCO Jazz Day, appuntamento mondiale di sensibilizzazione del valore e del brand UNESCO in questo caso legato alla musica jazz , patrimonio immateriale ma di grande valore universale. E insieme a Milleunanota sarà anche l’occasione di parlare di UNESCO sul nostro territorio di Langhe-Roero e Monferrato nei concerti a tema  che si terranno nella cornice del San Giuseppe, ormai diventato luogo importante e ideale per questo tipo di eventi. A dimostrazione che fare rete Culturale porta a realizzare belle iniziative coinvolgenti per tutti: buona musica a tutti”, commenta il direttore del sito UNESCO Roberto Cerrato.

La tre giorni di concerti fa parte del programma di Vinum e della Primavera di Alba, è supportata da Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e Comune di Alba, ed è resa possibile grazie a Grappa Marolo, Banca d’Alba, commercianti di via Cavour e Associazione dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato. 

I due concerti serali vedranno la presenza del presidente dell’Associazione dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato e direttore del sito UNESCO Roberto Cerrato, a suggellare il legame del Jazz Day albese col territorio.

Agli appuntamenti prenderà parte l’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, che in tutta Italia sostiene gli eventi più importanti organizzati per il Jazz Day. 

international jazz day copia

Programma:

Sabato 28 aprile 2018

Piazza M.Ferrero dalle 15.30 alle 19
Great Standards 4et -> quartetto jazz che ripercorre e ripropone gli standard jazz più noti e amati ideali
DJ Grissino -> selezione di dischi jazz per accompagnare l’aperitivo

Domenica 29 aprile 2018
dalle ore 15.30 Braxophone – street band, percorso con diverse postazioni da Piazza Garibaldi a Piazza Michele Ferrero e ritorno 

ore 16.30 Piazza Garibaldi: Milleunanota Jazz 4et composto da studenti e insegnanti di Milleunanota e del Dragonfly Studio

Ore 21 Chiesa di San Giuseppe: Italy meets Portugal Jazz 4et (ingresso 5€)
Produzione originale che vede protagonisti il chitarrista albese Filippo Cosentino insieme al batterista Andrea Marcelli e a Eduardo Cardinho e Gonçalo Sarmento, vibrafonista e contrabbassista portoghesi, a seguito di una residenza artistica svoltasi a Lisbona nell’autunno.

Lunedì 30 aprile 2018
Ore 14.30 Cortile della Maddalena: Milleunanota Jazz 4et composto da studenti e insegnanti di Milleunanota e del Dragonfly Studio

Ore 18.30 Coop. Libraria La Torre – “Il jazz migrante”, lezione conferenza a cura del giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi con proiezioni audio/video

Ore 21 Chiesa di San Giuseppe: Jazz notes from Hong Kong (ingresso 5€)
Il chitarrista Chi Ho Choi e il pianista Preston Lau, fra i più apprezzati jazzisti di Hong Kong, live.

Per ulteriori informazioni e per prenotare i biglietti per i due concerti serali in San Giuseppe visitare www.milleunanota.com, oppure scrivere a milleunanota.alba@libero.it o telefonare al 3347867028. I biglietti sono disponibili in prevendita da Milleunanota in via Pierino Belli 12C in orario pomeridiano.

Seguici su Facebook e Twitter!

“It’s not exclusive; it’s inclusive, which is the spirit of jazz”

Herbie Hancock

INTERNATIONAL JAZZ DAY

#UNESCOEdu 2017/2018: L’Istituto Cillario di Alba vincitore del concorso targato Miur e #UNESCOgiovani

Anche quest’anno il Piemonte sarà fra le regioni partecipanti a UNESCO Edu, il programma di sensibilizzazione al patrimonio culturale rivolto agli studenti: iniziativa di UNESCO Giovani con il contributo del MIUR – Direzione generale per lo studente, mira a coinvolgere gli studenti delle scuole superiori nell’educazione alla conoscenza delle tematiche UNESCO, mettendole in relazione alle attività civiche praticabili sul territorio.
L’Istituto “Piera Cillario Ferrero” di Alba si è aggiudicato il finanziamento con il progetto “Langhe: un territorio da vivere” che prevede la creazione di un itinerario turistico a Monforte d’Alba, Roddino, Serralunga d’Alba, Perno

Sensibilizzare i giovani ai temi e valori dell’UNESCO, educarli a una cittadinanza attiva e consapevole, formarli alla conoscenza del proprio territorio: sono questi alcuni degli obiettivi del progetto “UNESCO Edu”, il programma nazionale destinato a scuole e università promosso dal Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, con il supporto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Nell’ambito del Protocollo d’Intesa siglato con il MIUR il 19 gennaio 2016, UNESCO Giovani ha infatti avviato questa iniziativa in ogni Regione d’Italia con l’intenzione di portare nelle classi i programmi operativi sviluppati dall’UNESCO in ambito internazionale.

In Piemonte quest’anno il progetto sarà realizzato nell’albese, con le classi quarte dell’indirizzo turistico dell’Istituto “Piera Cillario Ferrero” di Alba capofila, prevede una prima fase dedicata alla formazione, con lezioni in aula sul tema della valorizzazione del territorio albese a cui saranno affiancati sopralluoghi nelle aree rappresentative per la preparazione degli studenti. Sarà quindi elaborato un itinerario turistico che valorizzi il patrimonio sociale del singolo territorio e i prodotti enogastronomici tipici del luogo. Le mete, Monforte d’Alba, Roddino, Serralunga d’Alba, Perno, potranno essere raggiunte anche attraverso biciclette a pedalate assistita o a piedi in modo tale da sensibilizzare al rispetto dell’ambiente turisti e studenti. Il materiale sarà infine convogliato in una presentazione ma non mancheranno aspetti innovativi: la creazione di un video a 360° visualizzabile sia con gli smartphone che all’interno di un Visore per Realtà Virtuale; e la mappatura dell’itinerario su Google Maps.

26198216_2006078376270747_2540303220412522619_o

“La valutazione positiva del progetto “Langhe: un territorio da vivere” da parte della Commissione del MIUR e membri del Comitato Giovani UNESCO, rappresenta per il nostro Istituto la possibilità di attuare modalità di apprendimento flessibili ed equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo, rispetto agli indirizzi operatore turistico e socio assistenziale, che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica”, commenta la dirigente scolastica Paola Boggetto.

Oltre al Comitato Giovani UNESCO del Piemonte, saranno coinvolti nel progetto Associazione Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, l’istituto culturale IN/Arch Piemonte, e la casa di produzione torinese Allume Film per la parte di realizzazione del video a 360°.

UNESCO GIOVANI – Oltre trecento giovani tra i 20 e i 35 anni, fra cui studenti, ricercatori, artisti, professionisti, manager e imprenditori: sono loro l’anima del Comitato giovani della Commissione Nazionale italiana per l’UNESCO. Costituitosi nel 2015, il Comitato Giovani ha l’obiettivo di supportare le attività della Commissione nel campo dell’educazione, della scienza, della cultura e della comunicazione.

Info: www.unescogiovani.it

Video sintesi del #DM17

Video sintesi di una giornata speciale dedicata ai temi della sicurezza informatica, il DIGITALmeet che per la prima volta ha avuto luogo ad Alba da Apro Formazione 👍
grazie a Fondazione Comunica e Piemonte Digitale 🔝

e grazie soprattutto a Tiziana Prin, Cosimo Anglano, Massimo Durante, Antonio Bosio, Maura Reolfi, Giuseppe Severino, Alberto Gatto, Giovanni Bosticco, Mario Deltetto, Rosaria Berci, Marisa Mari Verney, Federico Bellardi 🙏

Buona visione!

Sanità: ieri, oggi, domani

La prossima settimana, nella serata di mercoledì 15 novembre (in Banca d’Alba, alle 20.30) sarò impegnata nella moderazione di un importante convegno che prende le mosse dai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (Lea) per interrogarsi sul presente e sul futuro della sanità. L’appuntamento è organizzato dall’Associazione Medici per il Futuro insieme a Gazzetta d’Alba e, come potete vedere dalla locandina, i relatori sono di altissimo livello. Il tema è complesso e ho dovuto prepararmi a lungo ma l’idea degli organizzatori è proprio quella di avvicinare i cittadini anche a ragionamenti e aspetti che potrebbero sembrare più “tecnici” sul mondo della sanità, e quindi di renderli più consapevoli e partecipi. Non mancate!

locandina

I video delle dirette del #DM17

Nell’attesa di un video più conciso, segnalo a chi fosse interessato che sulla pagina Facebook del blog abbiamo trasmesso in diretta tutta – o quasi (cioè a dieci minuti dalla fine sono venute meno tutte le batterie possibili e immaginabili ma tant’è) – la giornata, e i video sono ancora disponibili. Eccoli:

Tiziana Prin, sostituto commissario responsabile della Polizia Postale di Cuneo – “Pericoli digitali: dal cyber bullismo alle truffe online. L’attività della Polizia Postale”

 

Adriana Riccomagno, giornalista e blogger – “La privacy al tempo dei social network”

 

Cosimo Anglano, Professore Associato di Informatica presso l’Università del Piemonte Orientale “A. Avogadro” – “Cybercrime e cybersecurity: problematiche e soluzioni”

 

Tiziana Prin, Sostituto Commissario della Polizia di Stato, responsabile della sezione Polizia Postale di Cuneo – “I rischi per la sicurezza delle aziende e l’attività della Polizia Postale”

 

Massimo Durante, Professore Associato di filosofia del diritto e informatica giuridica presso l’Università di Torino – “Il ruolo del Data Protection Officer (DPO) nel nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati in vigore a maggio 2018”

 

Chi fosse interessato, qui trova anche le mie slide: La privacy al tempo dei social network

E anche un album di foto.

La giornata dei bambini mai nati

Oggi si celebra la giornata dei bambini mai nati. Non avrei francamente alcuna voglia di accendere candele o quant’altro ma se ripenso a quel mattino del mio compleanno di pochi anni fa, mi viene solo in mente che sarebbe stato meglio saperne di più: essere più informata e consapevole del rischio, poterlo condividere con altre donne, nel complesso essere più preparata e meno sola. Proviamo a parlarne allora, stiamoci vicino, che in fondo è poi quello che dovremmo fare sempre.