Contro la "pubblicità regresso"

Fonte: dalla rete

Aderisco con convinzione all’iniziativa di ipazia è(v)viva: pubblicità regresso. Diciamo basta allo sfruttamento dell’immagine del corpo femminile nella pubblicità!
Colgo l’occasione per segnalarvi questo articolo che ho letto qualche giorno fa: Né puttane né madonne, solo donne. Il concetto fondamentale è che il corpo della donna annichilisce la brand identity, ovvero non funziona neanche dal punto di vista del marketing in casi come quelli citati.

Annunci

12 thoughts on “Contro la "pubblicità regresso"

  1. Ciao Adriana, anche a me da fastidio la pubblicita'fatta cosi' con nudi gratuiti o scene di cattivo gusto come quelle che ho visto di la', un po' di rispetto ci vuole per la nostra categoria, se non funziona nemmeno come marketing a maggior ragione, ciao grazie baci rosa buona serata.)

  2. …ed io che ho letto proprio oggi in un blog che una catena di negozi si è inventata le vetrine viventi…tutto si riduce ad un banale, quanto discutibile bisogno di soldi…le persone oggi sono vetrine che camminano…imperversa il materialismo e l'apparire…poco importa cosa pensa la gente che ti guarda…che tristezza..un sereno tramonto a Te Adriana..dandelìon

  3. @Tomaso: è sempre un piacere ricevere le tue visite! Un abbraccio@Rosa: siamo circondati da pubblicità sessiste, bisogna fare qualcosa…@dandelion67: ci sono persone che accettano di ridursi a manichini… che tristezza davvero!

  4. Questa è davvero un'iniziativa fantastica.La pubblicità non si fa più propositiva per l'acquirente, diventa solo un palcoscenico in cui fare bella mostra di donne seminude per attirare l'attenzione altrui. 😦

  5. concordo, ma non mi ricordo in quale blog ieri ho già mosso questa accezione, purtroppo in italia, e specie nella tv italiana, spesso sono le donne a mortificare l'immagine della donna, ripeto purtroppo….

  6. @pOpale: bravo!@Pri: …distraendoli perfino dal prodotto che vogliono vendere! Incredibile e assurdo…@gds75: ho scritto lo stesso nel post dedicato all'iniziativa #donnexdonne il 21 luglio scorso. Tocca proprio a noi essere le prime a evitare comportamenti che favoriscano lo sfruttamento di cui sopra!

  7. Ciao Adriana e piacere di conoscerti, interessante questa iniziativa, forse i pubblicitari potrebbero così iniziare a sviluppare un pò la fantasia, il mondo è pieno di cose accattivanti che catturano l'attenzione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...