Gli occhi tristi del Rwanda

Clicca sull’immagine

Clicca sull’immagine per ingrandire e poter leggere il servizio

Versione online sul sito di Gazzetta d’Alba: Gli occhi tristi del Rwanda

Advertisements

15 thoughts on “Gli occhi tristi del Rwanda

  1. Ho letto con molto piacere le interviste che hai fatto ai volontari di ritorno dal Rwanda, complimenti davvero!Ce ne fossero tanti di giovani così, il mondo sarebbe certamente migliore…Ciao, buona serata.

  2. Ciao Adriana (come me), lo hai scritto tu l'articolo?mi colpiscono molto queste cose, forse perchè faccio volontariato anch'io (certo in un contesto privilegiato, per i senza dimora ma qui a Torino in un ambiente diciamo così protetto)e penso che per fortuna non tutti i giovani sono solo dediti alla ricerca del piacere facile e subito, ma ci sono ancora persone che si rendono conto di essere fortunati a vivere in questo contesto pur con tutti i suoi difetti e mancanze.Grazie della visita e anch'io ti seguirò perchè il tuo blog è molto interessante.

  3. @sirio: mi sento sempre molto fortunata quando posso fare dei servizi con contenuti così stimolanti! Qui il "medium" della fortuna è la mia amica Elisa che ha deciso di fare questo viaggio… :-)@adriana: sì, è uno dei servizi più interessanti che ho fatto negli ultimi tempi. Ma allora anche tu sei piemontese! Ma quanti siamo!!!Grazie che mi segui 🙂

  4. @Pri: ma… perché vi stupisce così tanto che l'abbia scritto io? :-PGuardate che, al di là del blog giocoso, sono davvero una giornalista che si dà da fare! 😀

  5. dopo aver visto il film "hotel Rwanda" provo sempre una fitta al cuore quando sento parlare di questo paese, ma ci andrei anch'io volentieri per un'attività di volontariato!!!

  6. Ciao adriana brava questi post servono per far sapere le cose, per aiutare chi ha meno di noi, complimenti ai volontari che si prestano in queste azioni lodevoli e grazie a te per la sensibilita'che dimostri sempre, baci rosa a presto buona giornata

  7. Grande Adriana!!! Ottimo articolo, interessante e ben scritto, offrire ai propri lettori uno scorcio di realtà di questo genere è assolutamente un gesto eccellente!Allegra giornata!

  8. @Luigi: lo ammetto, non so se mi sentirei pronta per un'esperienza così forte… forse dovrei cominciare da qualche altro Paese africano meno segnato…@Rosa: sono convinta che uno dei compiti principali del giornalista sia quello di informare anche su tutto ciò che nel mondo succede di positivo: ed è proprio su questa parte che ho scelto di concentrare la mia attività. Di tutto il negativo, secondo me, si scrive già fin troppo.@Sciarada: sei davvero gentilissima! Buona giornata anche a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...