Sono fuori dal tunnel… della Rinazina!

Fonte: dalla rete

Queste che vedete nell’immagine sono davvero simili all’espressione che ho fatto, per dieci anni, dopo essermi spruzzata nel naso la Rinazina. Già, sono appena uscita da ben dieci anni di dipendenza dalla Rinazina. Forse fa ridere detto così, ma per me era diventato un problema serio. Non so se conoscete questo farmaco, che ha gravi effetti collaterali, e che tende a generare una dipendenza da cui è difficile uscire (cercate Rinazina su Google e capirete di cosa sto parlando). In certi periodi ero arrivata a spruzzarmela anche una decina di volte al giorno, a causa dell’effetto “rebound”: in pratica la Rinazina, essendo un vasocostrittore, apre il naso “meccanicamente”, ma una volta passato l’effetto il naso si ritappa peggio di prima; e così devi farti un’altra spruzzata, e via così. Avevo uno spray a casa e uno in ufficio, in modo da averne sempre uno a disposizione, e varie volte dopo essere uscita per andare da qualche parte, sono dovuta tornare indietro a riprendere la boccetta. Il peggio succedeva di notte: il naso che si tappava completamente, e ultimamente stavo perfino cominciando a russare (così Fil mi dava qualche gomitata). Per non parlare di quanto spesso mi usciva il sangue dal naso, visto che ormai la mia mucosa era un colabrodo… Perché c’è voluto tanto per venirne fuori? Fondamentalmente perché non esistono farmaci più “innocui” che procurino la stessa sensazione di naso libero che deriva dalla Rinazina. Ho poi avuto la fortuna di incontrare casualmente un medico che mi ha spiegato come lui stesso fosse venuto fuori da questa dipendenza, e di come la sua soluzione si fosse già dimostrata efficace in tantissimi casi. Chiaro che ci ho subito provato! Ve la racconto, ma chiedete consiglio al vostro medico prima di provare, che non si sa mai. Si tratta di mettere un briciolo di Gentalyn Beta (antibiotico+cortisone) su un cotton fioc e spalmarlo delicatamente nelle narici, un paio di volte al giorno la prima settimana e poi a scalare (certo che poi bisogna scalarlo, perché altrimenti si passa da una dipendenza all’altra!). Fatto sta che oggi saranno una decina di giorni senza che mi sia spruzzata la Rinazina, e da ieri l’ho lasciata a casa, cioè non ce l’ho più nella borsa, evvai! Lo so, parlo come una tossica (i miei amici è una vita che mi prendono in giro! Pensate che la Rinazina è stata immortalata anche in numerose forografie di interviste uscite sui giornali, la dovevo tenere lì al mio fianco sul tavolo…), ma nel tempo ho scoperto che sono moltissimi a essere rimasti intruppati in questo meccanismo. Ne sono uscita, e oggi voglio festeggiare con voi!

Advertisements

29 thoughts on “Sono fuori dal tunnel… della Rinazina!

  1. Come ti capisco: io dopo anni di sinusiti ero diventata dipendente da Rinocidina (e un po' anche da Aspirina, per via dei mal di testa). Poi ti rendi conto che la cura è peggiore del male…Però russo tuttora, come un trombone.

  2. carissima, io ho attraversato il tuo stesso tunnel e ne sono uscita l'anno scorso. Anche io come te avevo varie confezioni ovunque, e non potevo andare da nessuna parte senza, era l'unico modo per respirare. Per non parlare del russare, dei raffreddori allergici continui che mi provocava la sensibilità ormai sviluppata, ecc ecc. Poi finalmente mi sono decisa a fare una visita specialistica e mi hanno spiegato tutto ciò che hanno detto anche a te e ho iniziato una terapia cortisonica, io soffro di un rinite vasomotoria congenita e ce l'avrò per tutta la vita. La terapia la dovrò seguire sempre ma dopo circa un mese dall'inizio della terapia non avevo più la dipendenza, bastava uno spruzzo del nuovo farmaco la notte ed ero e sono sempre a posto. Che dire? evviva la libertà!

  3. Congratulazioni, davvero, di tutto cuore! Conosco questo farmaco di nome, ma non sapevo quali effetti collaterali avesse! Forse ci vorrebbe una maggiore sensibilizzazione al problema!Comunque bravissima davvero, devi aver avuto tanta forza d'animo!

  4. Complimenti cara! Ti capisco benissimo… io ho avuto lo stesso problema con il vick sinecs , vaso dilatore anch'esso.. se non ne avevo almeno 5 boccettine sparse in ogni luogo non stavo bene.. poi il dottore mi disse che avevo le pareti del naso come uno che pippa cocoaina e allora ho capito che forse… avevo esagerato un tantino con le dosi… Adesso nei periodi di forte allergia , quei periodi da " babba bia non respiro , datebi qualcosa vi brego!!!" ogni tanto la tentazione di darmi una spuzzatina magica è forte.. ma anche io RESISTO RESISTO RESISTO!!!!!

  5. @rattoluna: son talmente contenta che ieri ho brindato con mio marito e un nostro amico! (naturalmente erano piegati dalle risate…)@Strawberry: sono stata molto fortunata ad incontrare il bravo dottore che mi ha dato l'input per farlo!@Barbara: per ora io fortunatamente no! Penso che Fil mi manderebbe a dormire sul terrazzo…

  6. @winnifred: è tutta un'altra cosa, eh? ;-)@Chiaretta: grazie! (o forse ho imparato a respirare con le orecchie…)@Sig.na Silvietta: anche a me parlavano tutti delle fantomatiche narici d'oro dell'Avvocato Agnelli… :-DBrave che siamo! Tenaci!

  7. Davveroooo? Non sapevo che la rinazina creasse dipendenza, ne starò alla larga allora! hai trovato un bravo medico che ti ha consigliato e faccio un applauso alla tua ritrovata LIBERTA'!Chissà come sarà contento Fil che ora non russerai più ahahah ciao ^___^

  8. io adesso sto facendo una terapia disintossicante dalla rinazina con aerosol a base di fiale di rinorex e al posto della rinazina spruzzo del narivent al bisogno la rinaziona la spruzzo una sola volta per narice prima di dormire…spero di eliminare anche quello

  9. Ciao, volevo avere un parere da chi ci è già passato.
    Io da 16 giorni non fo più uso di Viks Sinex (dopo credo 7 anni di utilizzo!). E’ però da 16 giorni che dormo male a causa di una narice in particolare che è tappata perennemente. Ho fatto una visita da un otorino mi ha detto che ho il naso apposto (in quel momento avevo entrambe le narici libere). Mi ha dato uno spray al cortisone che fa poco o nulla!
    La mia situazione è la seguente: La narice sinistra è sempre tappata, tranne se faccio sport, cammino per molto, ho un emozione “importante”, in questi casi mi si libera per poco e poi si ritappa (è come se fosse gonfia se mi soffio il naso rimane tappata). Oggi ho chiamato il dottore e mi ha detto che domani mi ri-visita. Solo il pensiero di dover avere a vita una narice tappata cronica mi fa stare male e non vivo al meglio le giornate. Ne uscirò mai? 😦

  10. Ho lo stesso problema è la stessa dipendenza da 15 anni non riesco più a liberarmi del Rinogutt che peraltro hanno cambiato praticamente l’anno scorso qualche componente quindi mi sarò purtroppo dovuta adeguare al Rino Calyptol purtroppo è una brutta è grave dipendenza che non riesco sinceramente a disintossicarmi ecco perché sono finita su questo blog per cercare delle risposte è un aiuto valido perché è proprio una vera dipendenza e ci sto seriamente male

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...