E’ uscito Balladeer, secondo album di Alan Bonner

Alan Bonner è un cantautore londinese. Dopo aver lasciato il suo piccolo paese nel Suffolk per le luci di Londra a 18 anni, ha passato gli ultimi anni scrivendo, registrando e suonando nel Regno Unito e in Europa, sempre continuando a scrivere testi su birre in compagnia e pestando sui tasti di un vecchio piano.

Dopo essersi diplomato al Brighton Institute of Modern Music nel 2007, gli show dall’alta carica emotiva di Alan hanno cominciato a sbalordire il pubblico, non soltanto per l’intensità delle sue performance e per la sua qualità vocale, ma anche per l’onestà e la natura intima delle sue canzoni. Ha affiancato artisti come FYFE DANGERFEILD, DAVID FORD, IN ME, GOLDHEART ASSEMBLY, e i SONS OF NOEL AND ADRIAN, costruendo un fedele seguito, e ha suonato in numerosi festival nel Regno Unito, come OXJAM, GLOBAL GATHERING e BRIGHTON LIVE.

Alan Bonner

Ha portato la sua musica anche oltremare, in alcuni concerti in Australia nel 2010, e in un tour europeo nel 2011 fra Regno Unito, Italia e Germania. Una volta rientrato in Inghilterra, è una presenza costante del circuito Brit-folk londinese. Il 2008 ha visto la pubblicazione indipendente del suo album di debutto Songs for the Heart Shaped, che è disponibile sui principali store musicali online [iTunes, HMV digital, Napster, Amazon], e fisicamente in negozi selezionati nel Regno Unito. Le canzoni di Alan sono anche state inserite come colonne sonore nella fiction Britannica The Glue, e nel film His Uterus, Her Lover.

Alan, che è stato paragonato dai critici a musicisti del calibro di Rufus Wainwright e David Bowie, torna oggi con il suo secondo album Balladeer, disponibile a partire dal 14 maggio, la cui uscita sarà seguita da un tour nel Regno Unito e in Europa. Balladeer è l’insieme di una serie di bellissime canzoni d’amore, sconfitta, speranza e redenzione abilmente cantante da un trovatore del ventunesimo secolo con un’inclinazione folk e una sensibilità pop. Con la sua delicata orchestrazione di violoncello, piano, ukulele, fisarmonica e chitarra, è un disco più minimalista rispetto al disco precedente del 2008.

La copertina del disco

Ascoltare Balladeer significa conoscere il suo punto di vista unico sull’amore e la politica, sui momenti che spezzano il cuore e le rinascite. C’è Talia, l’accorata ode a una vera amica, e c’è Rainbow Man, una canzone di protesta al vetriolo ispirata dall’omicidio di Matthew Shephard, vittima dell’odio. La nostalgica Autumn è una riflessione solitaria su un amore finito da tempo, mentre Ocean, una canzone piena di speranza, fa venire a chi l’ascolta la voglia di “amare come se non fossi mai stato deluso e tuffarsi” (‘love like you’ve never been hurt and just dive in’), e una dose di puro folk-pop con la sua carica di entusiasmo arriva nella forma di Lighthouse Song.

BALLADEER è stato pubblicato online il 14 maggio 2012, e si può scaricare da iTunes, Play.com, Amazon, Napster e tutti gli altri store musicali online.

Scarica Balladeer da iTunes

Alan Bonner sarà in tour in Italia a ottobre 2012

“Alan Bonner ha creato una specie di oasi poetica fra le più scatenate e aggressive band basate sulle chitarre. La sua musica è un melange di suoni onomatopeico, in cui la melodia del piano incontra il melanconico violoncello e le chitarre suonate con tocco delicato. Questi strumenti sono abbracciati dalla voce roca e al contempo dolce di Alan e il risultato è interessante. Brani come Narcissist’s Wet Dream e Talia emergono come possibili singoli, entrambi con un’atmosfera evocativa che ricorda Tori Amos, e con temi decadenti che hanno echi di Bowie”
RECENSIONE DI UN LIVE A CURA DI THE WATER RATS, LONDON, NOISE MAKES ENEMIES MAGAZINE

“Alan Bonner suona ballate al pianoforte, tinte di “glam”. Vorrete rubargli i suoi favolosi look vintage”
TIME OUT LONDON

Per ulteriori informazioni visitare www.alanbonnermusic.com o scrivere un’email all’indirizzo alanbonner83@hotmail.com

Le chitarre nel brano Redemption sono di Filippo Cosentino
Annunci

8 thoughts on “E’ uscito Balladeer, secondo album di Alan Bonner

  1. CIAO ADRY, MAI SENTITO QUESTO CANTANTE, GRAZIE PER AVER DESCRITTO UN PO'IL GENERE, ANDRO' A SENTIRMI QUALCHE PEZZO ALMENO MI FACCIO UN'IDEA, CIAO BACI ROSA A PRESTO BUONA SERATA.))

  2. ciao Adrianaspero ti faccia piacere, se ti ho premiata quihttp://pupottina.blogspot.it/2012/05/il-premio-del-numero-11.htmlSe ti rincresce fare il post, puoi rispondere anche nel commento …effettivamente l'ho assegnato, ma già mentre lo facevo mi sono resa conto che è un meme impegnativo e che richiede tempo. fai come credi

  3. Ho sentito il suo nuovo album. Davvero magnifico. Una voce che ha toni nostalgici e malinconici di grande intensità. E il suo look … poi… fantastico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...