Filippo Cosentino: fra la via Emilia e il jazz

Filippo Cosentino, classe 1983, piemontese d’origine, emiliano d’adozione: giovane chitarrista, compositore ed arrangiatore che colpisce, oltre che per la sua musica (è da qualche mese uscito il suo primo disco “Lanes”), anche per il suo modo di ragionare, di vedere la vita – come un gioco, molto serio, in cui si seguono delle linee guida, ma in cui non si sa mai esattamente cosa accadrà nel prossimo futuro, pronti quindi a vivere intensamente tutto ciò che la vita offre – e i rapporti con gli altri: “Ricordarsi sempre degli altri senza mai tradirne la fiducia e la stima, essere quindi persone oneste e sincere; piuttosto di fare un grande passo in carriera a danno di un altro, non lo faccio”.

Comincia così l’intervista a Filippo sul blog Dicono che il jazz è morto, che vi invito a visitare, grazie al quale potrete conoscere anche altri giovani jazzisti. Gli autori hanno fatto un bellissimo lavoro, selezionando citazioni, video, fotografie, e proponendo ottime domande per l’intervista. Anche la recensione del cd Lanes è, dal mio punto di vista, estremamente pertinente. Bene, non vi resta che andare all’intervista. Eccola qui. Filippo Cosentino: fra la via Emilia e il jazz
Annunci

8 thoughts on “Filippo Cosentino: fra la via Emilia e il jazz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...