Il pericolo maggiore dell'”eco nella stanza” #ilwebcirendeliberi

(…)

Ha molti dubbi Cass Sunstein, altro giurista della facoltà di giurisprudenza di Harvard che ha fatto parte della prima amministrazione Obama e ha scritto il brillante saggio Voci, gossip e false dicerie. Come si diffondono, perché ci crediamo, come possiamo difenderci. Secondo Sunstein non solo “la stanza” della rete non supera l’intelligenza collettiva dei cittadini che la frequentano, ma al contrario rischia di peggiorarne le opinioni producendo “l’effetto eco nella stanza”, vale a dire un meccanismo per cui ognuno risente solo la propria voce, le proprie idee, amplificate da chi è d’accordo e perdendo progressivamente critiche e dissensi:

Il pericolo maggiore dell'”eco nella stanza” è l’estremismo ingiustificato. E’ assodato il fenomeno di gruppi di individui che la pensano allo stesso modo e, dopo essersi confrontati tra di loro, finiscono per credere a una versione più radicale ed estrema della loro prima idea col pericolo di arrivare a una situazione in cui la gente demonizza chiunque sia in disaccordo: un rischio reale per le nostre democrazie*.

(…)

Tutto il brano è tratto da Il web ci rende liberi? Politica e vita quotidiana nel mondo digitale di Gianni Riotta (che mi auguro non prenda male il fatto che lo riporti), lettura che consiglio caldamente.

*Cass Sunstein, The Echo Chamber Rivisited, http://www.onthemedia.org, 2011.

Annunci

11 thoughts on “Il pericolo maggiore dell'”eco nella stanza” #ilwebcirendeliberi

  1. E’ un parere da tenere in grande considerazione, spesso è vero, la rete a volte intrappola i cervelli..si teme il pensiero unico.
    Un saluto e grazie per la poesia.

  2. credo che chi segue una corrente, un’idealismo,un’illusione o un’utopia,la massa….sia chiunque non voglia affrontare la realtà,ma cerca di nascondere le proprie debolezze e difficoltà dietro un qualcosa che non esiste e per questo non poter essere affrontato….
    Chi lo fa è un debole….
    bona serata

    1. Tendenzialmente sì, però qui si dice ancora un’altra cosa: che se ti confronti solo con persone con le tue opinioni, rischi che queste opinioni si estremizzino. Cosa che a mio parere si sta verificando nel nostro Paese, con tutti i rischi che ne conseguono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...