Pensieri di inizio anno dagli albesi al @CERN: gli italiani sono troppo bravi per affondare

Clicca sull'immagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire

La mia passione per la fisica, in realtà corrisposta fino a un certo punto, è iniziata al liceo. Ogni anno provavo a proporre di organizzare una gita al CERN di Ginevra ma i miei compagni e insegnanti del liceo classico hanno sempre preferito mete tipo… La Grecia. Tant’è. Ci ho provato. Fatto sta che da qualche anno ho la grande fortuna di avere un “filo diretto” col CERN, dove fra l’altro come leggerete lavorano alcuni miei concittadini, e di poter quindi raccontare dalle pagine di Gazzetta d’Alba che cosa succede negli esperimenti più affascinanti dei laboratori ginevrini.
Stavolta, visto che siamo tutti in vena di riflessioni di inizio anno, però non si parla solo di esperimenti ma di fuga dei cervelli, speranze per i giovani e per questo 2015 e altro ancora. Quindi doppiamente interessante.
Buona lettura!

Advertisements

One thought on “Pensieri di inizio anno dagli albesi al @CERN: gli italiani sono troppo bravi per affondare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...