La “giovane” blogger

Non è tanto per vanagloria (che comunque c’è sempre quando si pubblica sui social di sé, giusto?) ma per archivio, che ho pensato di raccogliere le due interviste che sono uscite nelle scorse settimane su Gazzetta d’Alba, che mi ha fatto il collega Matteo Viberti. Poi, mentre le salvavo, mi sono resa conto che danno un po’ il senso del momento in cui mi trovo, un momento in realtà molto faticoso e di grande confusione. Su Facebook ironizzavo sull’idea di “giovane” blogger ma in fin dei conti è più o meno da quando è nata mia figlia che le cose sono cambiate. “Fino a che età si è giovani?”, mi ha chiesto ironica una persona con cui collaboro, qualche mese fa. E io mi chiedo: fino a quando potrò continuare a essere una giovane blogger? La risposta, per ora, non ce l’ho.

intervista social network Adriana Riccomagno
Quest’intervista faceva parte di un’inchiesta sull’uso dei social network sul territorio
torna al piccolo
Questo invece un discorso di stile di vita, riflessioni sul presente (uscita il 9 maggio)

Il 12 e 13 maggio ad Alba c’è il festival Cantautori d’Italia #Cantautoriditalia @CantautoriIta

Con l’edizione dello scorso anno, che ha avuto come protagonista il cantautorato milanese, il festival Cantautori d’Italia ha inaugurato un percorso dedicato alle città italiane che di questo genere musicale hanno fatto la storia. L’edizione 2017 del festival, che negli anni ha avuto ospiti del calibro di Paola Turci, Tricarico e Mauro Ermanno Giovanardi, sarà un omaggio alla Scuola genovese, che ha avuto come principale esponente Fabrizio De André, e annovera, fra gli altri, Gino Paolo, Bruno Lauzi, Umberto Bindi e Luigi Tenco.

MaxManfredi_0
Max Manfredi si esibirà in piazza Ferrero sabato 13 maggio

Nell’ottica di proporre un omaggio di alto valore artistico e non scontato alla Scuola genovese, la direzione artistica del festival ha deciso di puntare su progetti di assoluto spessore: il concerto in solo di Max Manfredi, premiato nel 1997 dalla Regione Liguria come “capostipite della nuova generazione dei cantautori genovesi”, nonché vincitore di tue Targhe Tenco e numerosi altri premi (fu fra l’altro definito da De André stesso, che con lui duetta nel brano “La fiera della Maddalena”, “il più bravo” tra i cantautori italiani); e la presenza del biografo ufficiale di Fabrizio De André Luigi Viva, autore di “Non per un dio ma nemmeno per gioco: vita di Fabrizio De André” (Feltrinelli), giunto alla 18^ edizione.

luigi_viva_ujw21-3
Luigi Viva: il suo libro “Non per un dio ma nemmeno per gioco: vita di Fabrizio De André”  è giunto alla 18^ edizione

Il cantautore londinese Alan Bonner presenterà il suo nuovo album “Night Music”; per Bonner un gradito ritorno a distanza di alcuni anni da un concerto di grande successo nella vecchia Sala Fenoglio. Ci auguriamo una nuova accoglienza altrettanto calorosa!

Bonner bw
Alan Bonner: gradito ritorno in città!

Programma:

Venerdì 12 maggio
H. 20.30, Piazza Michele Ferrero
Concerto del cantautore londinese Alan Bonner che interpreterà le canzoni del suo ultimo disco “Night Music”

Sabato 13 maggio
H. 18, libreria La Torre
Incontro con Luigi Viva, biografo di Fabrizio De André, e dialogo sul libro “Non per un dio ma nemmeno per gioco: vita di Fabrizio De André”

H. 20.30
Piazza Michele Ferrero
Luigi Viva, biografo ufficiale di De André, in dialogo con Max Manfredi, considerato il capostipite della nuova generazione di cantautori genovesi. A seguire, dalle 21.15, Max Manfredi in concerto, voce e chitarra

…Inoltre vi segnaliamo, per domenica 14 maggio alle 11 al FuoriCitabiunda in via Carlo Biglino 1/A, “La canzone militante”: brunch in musica con Piero Spina e le Spinettes, che fa parte del festival Prospettive a cura del Collettivo De-Generi

locandina prospettive
Il programma completo del festival Prospettive

Tutti i concerti sono a ingresso gratuito!

Sito web www.cantautoriditalia.com
Facebook -> Cantautori d’Italia
Twitter -> Cantautori d’Italia

Grazie

Per me ci è voluta qualche ora per raccogliere le testimonianze e qualche ora per scriverlo ma l’argomento mi è passato in testa giorno e notte molto più a lungo. Un po’ perché non sono mai riuscita a mantenere più di tanto le distanze da quello che scrivo (ma poi lo voglio davvero fare?), un po’ perché sono state coltellate queste storie, seppur bellissime ognuna a modo suo e incontri altrettanto splendidi. E poi perché mi hanno richiamato alla memoria anni e anni di facce, voci, vicende di tanti tipi, che non ho dimenticato e non voglio dimenticare. Ci ho pensato tanto quest’anno in cui mi sono dedicata così tanto alle docenze e ho incontrato così tante persone, a come non si rimane mai uguali dopo aver incontrato gli altri, dopo un confronto.

Beh, io oggi colgo questa occasione perché voglio dire grazie a tutti coloro che mi hanno affidato le loro storie o quelle dei loro cari in questi anni. Sono loro infinitamente grata e lo sarò sempre, per aver accettato di affidare a me la loro voce. Ho cercato di farlo al meglio che potevo, conscia di questa grandissima responsabilità, e da tutti loro sono stata arricchita e cambiata. Sono cresciuta. GRAZIE


PS grazie anche a Gazzetta D’Alba che le ha ospitate 😉

Dieci motivi per leggere “La ragione della neve” di Silvano Giacosa #giornatadellamemoria #giornodellamemoria #Resistenza

Conosco Silvano Giacosa da tanti anni, anche se non si è capito bene come, in realtà: è faccenda che si perde nel web e nella notte dei tempi (curioso per due che da sempre vivono nella stessa città: conoscersi online, incontrarsi di persona dopo diciamo… dieci anni, e scoprire anche che sua moglie è stata mia insegnante qualche lustro fa). Non è, però, questo, uno dei dieci motivi che ho in mente per consigliarvi la lettura del suo primo romanzo, “La ragione della neve”, uscito nell’estate (qui l’avevo intervistato per Gazzetta d’Alba proprio in quei giorni).


Così, procediamo:

  1. per sostenere un autore esordiente
  2. per sostenere un concittadino, miei cinque lettori albesi!
  3. per sostenere la cultura di un territorio, ché oggi Fenoglio vive anche nelle esperienze letterarie scaturite dall’amore per le sue opere, per dire
  4. per ricordare quegli anni: oggi è il Giorno della Memoria, e un libro sulla Resistenza è senza dubbio il meglio che posso proporvi. Sapete, l’hanno chiamata Giornata della Memoria ma a volte la memoria sembra qualcosa di lontano: forse sarebbe stato meglio dire Giornata del facciamo attenzione perché il passato non è poi così lontano e ha la tendenza a ritornare, perché la storia è ciclica; o qualcosa del genere 
  5. perché è un libro scritto bene
  6. perché si evince una notevole attenzione all’aspetto psicologico dei personaggi
  7. perché credo che il “romanzo di formazione” oggi abbia ancora un senso, anzi, che sia quasi una necessità
  8. perché dentro ci sono le Langhe
  9. perché ci sono i valori, e ne abbiamo tanto bisogno
  10. perché “talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine” (cit. Virginia Woolf)

E adesso, buona lettura!

Corso di #SMM ad #Alba

Era da un po’ che aspettavo ci fosse l’occasione di programmare un bel corso serale di social media marketing ad Alba ed eccolo finalmente qui: lunedì 23 e 30 gennaio, 6 e 13 febbraio, dalle 20 alle 23, sarò in Apro con un percorsino adatto sia a chi voglia avvicinarsi all’argomento, sia a chi abbia già partecipato ad altri corsi in precedenza, come aggiornamento. Il costo è di 160 euro + IVA e per iscrivervi potete contattare direttamente l’Apro. Vi aspetto!

0001

Un periodo molto #jazz @FilCosentino @AssMilleunanota @RoeroMusicFest

E’ che mi dispiace sempre sparire senza dire nulla. Allora almeno voglio raccontarvi di come mi trovi in un periodo tanto jazz.

copertinaInnanzitutto perché è uscito il nuovo cd di Filippo ed è anche cominciato il tour, quindi se siete interessati cliccate qui per vedere se capiterà dalle vostre parti.

LOGO FINALE3Poi, perché a marzo abbiamo in programma una nuova rassegna che si chiama Jazz&Co.: giovedì 13, 20 e 27 marzo grande jazz nella magnifica cornice della chiesa di San Giuseppe ad Alba (CN). Programma e tutte le info, qui.

LOGO MILLEUNANOTA nuovo (1)Infine perché sono aperte le iscrizioni ai seminari estivi di jazz che richiamano studenti da tutta Italia, con docenti di livello nazionale e masterclass con musicisti del calibro di Michael Rosen e Andrea Marcelli; e ci sono anche degli sconti per chi si iscrive entro il 31 marzo. E un bel collegamento con il nascente Roero Music Fest.

Come vedete ce n’è per tutti i gusti. Ma sempre tanto jazz.