In pullman da Alba per seguire il concerto di Filippo Cosentino al forte di Exilles

Sabato 5 agosto presenta “Come Hell Or High Water” (Naked Tapes) con la cantante Federica Gennai

Sarà un’estate impegnativa, questa, per il chitarrista albese Filippo Cosentino, impegnato in un tour che lo vedrà protagonista sui palchi di alcuni fra i principali festival italiani.

Per sabato 5 agosto alle 21 è in programma un concerto al forte di Exilles, costruzione suggestiva e di grandissimo impatto visivo: l’artista presenterà il nuovo cd “Come Hell Or High Water” (Naked Tapes) al fianco dell’ottima cantante Federica Gennai.

Per permettere a tutti coloro che lo desiderano di partecipare al concerto e di godere della bellezza della location, l’agenzia di viaggi Sealtour di Alba ha organizzato una gita in pullman, con partenza nel pomeriggio, che comprende oltre al trasporto anche la visita e il buffet prima del concerto.

Tutti i partecipanti riceveranno il cd autografato dagli artisti in omaggio.

Per ulteriori informazioni e per confermare la partecipazione, contattare la Sealtour al numero 0173/35987.

Exilles

Annunci

Il cd Come Hell Or High Water (Naked Tapes) di Federica Gennai e Filippo Cosentino in un live emozionante

Nella serata di venerdì il Roero Music Fest ha ospitato un concerto per me particolarmente emozionante: la bravissima cantante Federica Gennai e Filippo hanno presentato il nuovo cd “Come Hell Or High Water” (Naked Tapes). L’anfiteatro alla Confraternita di San Francesco di Santa Vittoria d’Alba era gremito ed era la prima volta che ascoltavo questo disco dal vivo: davvero una grandissima emozione perché nei mesi precedenti all’uscita il progetto l’ho visto nascere e crescere, giorno per giorno, in casa, in studio. E quando Federica e Filippo sono saliti sul palco hanno dato vita a qualcosa di unico e intenso.

Sono molto felice che il giornalista Antonino Di Vita di JAZZIT abbia voluto trasmettere il live in diretta, ed eccolo qui, il concerto da ascoltare e riascoltare per rivivere quelle meravigliose emozioni.

https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fjazzit.magazine%2Fvideos%2F10158873611890648%2F&show_text=1&width=560

Roero Music Fest 2017: #jazz con vista sulle colline #UNESCO

Anche quest’anno il Roero Music Fest si pone come evento di spicco nel panorama musicale estivo. La rassegna targata Milleunanota e Anforianus sarà come da tradizione ospitata dalla splendida cornice dell’anfiteatro alla Confraternita di San Francesco a
Santa Vittoria D’Alba, una terrazza con un panorama unico sulle colline patrimonio Unesco, che dal Roero guarda le Langhe.

Programma

L’inaugurazione del festival, venerdì 30 giugno, sarà all’insegna dei sempre apprezzati e richiesti standard jazz del mondo, interpretati dall’ottimo sassofono di Giuseppe Di Filippo, con la partecipazione straordinaria del celebre batterista Andrea Marcelli.

unnamed
Giuseppe Di Filippo

Sabato 1 luglio salirà sul palco del festival il critico musicale Alceste Ayroldi, storica firma di “Musica Jazz”, per una lezione-concerto con proiezione di spezzoni video su Cinema & Jazz, e musica dal vivo col Roero Jazz 4et formato da Filippo Cosentino alla chitarra, Giuseppe Di Filippo al sax, Carlo Chirio al basso e Andrea Marcelli alla batteria.

Ayroldi
Alceste Ayroldi

Il weekend successivo prevede per venerdì 7 luglio la presentazione del recentissimo disco “Come Hell Or High Water” inciso da Filippo Cosentino insieme all’ottima cantante toscana Federica Gennai. Uscito per l’etichetta Naked Tapes, il cd, che contiene brani originali e due cover (“Avalanche” di Leonard Cohen e “Footprints” di Wayne Shorter) sta facendo incetta di apprezzamenti dalla critica.

Federica Gennai e Filippo Cosentino
Federica Gennai e Filippo Cosentino

La serata conclusiva del festival, sabato 8 luglio, sarà un evento imperdibile, con il live del duo formato dal celebre chitarrista William Lenihan con Marc Copland, uno dei più noti pianisti al mondo, già musicista di John Abercrombie.

William Lenihan
Copland
Marc Copland

Tutti i concerti, a ingresso gratuito, inizieranno alle 21.

Quest’anno sarà allestito un palco sopra a quello principale, dove alcune band locali apriranno la serata (30/06: Voices+Lights, alternative rock; 01/07: Mimmo Verí, cantautorato; 07/07: Nadia & some Gibas, cover soul, pop, R&B; 08/07: John Boy Walker & the Gibas, alternative, psichedelica).

Saranno presenti punti bar e degustazione.
In caso di maltempo i concerti si terranno all’interno della Confraternita.
Il festival è possibile grazie al contributo della Consulta Comunale dei Giovani di Santa Vittoria d’Alba, della Biblioteca Comunale e della Pro Loco, che ringraziamo, insieme agli sponsor.

Vai al sito www.roeromusicfest.com
email milleunanota.alba@libero.it
Mi piace su FB
Segui su Twitter
Segui su Instagram

Giovedì 18 alle 17 ci vediamo al Salone del Libro di Torino! #SalTo30 @SalonedelLibro @Milleunanota @FilCosentino

Milleunanota – International Jazz Day
Presentazione dell’attività e concerto
Music ‘n’ Books
giovedì 18 maggio, ore 17:00
Sala Music ‘n’ Books

Filippo Cosentino presenta, in qualità di responsabile, l’attività dell’Associazione Milleunanota, centro didattico e realtà dinamica nel territorio di Langhe-Roero e Monferrato, attiva nell’organizzazione di eventi culturali di prestigio e rilevanza artistica come l’International Jazz Day Unesco, Jazz & co., Roero Music Fest e Cantautori d’Italia

Vai all’evento sul sito del Salone del Libro

foto murialdo cosentino acustica 2

Recensioni che parlano di noi #Tre #family @FilCosentino

Antefatto

Quando è stato il momento di definire il libretto del disco Tre di Filippo, c’era ancora un po’ di perplessità sulle note di copertina. La realtà è che questo progetto era così intimo che qualunque “intervento esterno” sarebbe alla fine un po’ parso un’intrusione. Un disco nato nella nostra prima estate a tre, in pomeriggi in vacanza ad ascoltare e riascoltare le nuove composizioni di Filippo, come se ci fosse uno scambio continuo fra vita e musica, non è un cd qualsiasi perché c’è dentro la nostra nuova, bellissima famiglia.

Così hanno pensato bene di chiedere a me di cimentarmi con queste note di copertina. Idea bizzarra: quando mai si è visto che le scriva la moglie? Eppure la cosa aveva a modo suo un senso logico in base a quello che vi ho appena raccontato. Ce l’ho messa tutta, consapevole che, a differenza di quello che scrivo di solito ogni giorno, come dire, ricade solo su di me, mentre stavolta c’era di mezzo non solo mio marito ma anche mia figlia, la terza del “trio”: le due persone più importanti della mia vita.

Fatto

In questi giorni stanno uscendo le prime recensioni e… beh, ci sono anch’io, ci siamo noi. Emozione nuova e sconfinata.

Tre è un’opera d’arte. Perché ti prende e ti porta con se. Perché ti prende e ti lascia volare. Perché ti racconta storie e te ne fa vivere altre. Perché le note di copertina commuovono lasciando intuire qualcosa. Perché ti costringe ad ascoltare il disco come una volta. Tu e la musica. Un disco audace, come non ne sentivo da molto tempo. Che unisce tradizione e modernità, emozioni e tecnica (a proposito, si sente benissimo), passione e dedizione, coraggio e visione. Non perdetelo se avete ancora voglia di emozionarvi!

Potete immaginare che tuffo al cuore leggendo queste parole di Emiliano Girolami su Chitarre. E non solo e non tanto per il fatto che il critico si sia accorto delle mie note ma… per tutto il resto, diciamo.

Poi oggi arriva anche la recensione di Patrizia Marinelli su Guitar Club di luglio/agosto, che anch’essa ci cita, la principessa ed io… cioè la figlia Prisca e la moglie Adriana. Beh, per me questo non è un disco normale, non sono recensioni come tutte le altre. Ogni volta qui c’è un brivido.

E niente, se vi per caso vi fosse venuta la curiosità di ascoltare Tre, qui c’è il link allo shop.

libretto2

Buon ascolto con L’astronauta di @filcosentino #jazz

copertina L'astronauta
L’immagine in copertina è di Rossana Torretta – Fiorecolor

Inciso nel mese di gennaio 2015 per l’etichetta ERL e distribuito da IRD, L’astronauta è il nuovo disco di Filippo Cosentino insieme ad un quartetto d’eccezione: al pianoforte Antonio Zambrini, al contrabbasso Jesper Bodilsen e alla batteria Andrea Marcelli.

Le composizioni sono tutte originali e con una spiccata vena melodica, che da sempre contraddistingue la scrittura di Cosentino. Nel disco sono quindi presenti composizioni con influenze medio-orientali (Mediterranean Clouds) che già hanno caratterizzato i lavori precedenti del solista, ballads con bellissime melodie (Inside the blue, L’astronauta, 17:03 e il 3/4 Seven Days) e brani con un’intenzione decisamente free jazz (More than times e Momento), una di queste – Momento – è stata scritta a “8 mani” da tutto il 4etto. Non mancano brani più complessi come Nessie che nonostante una linea melodica elegante, raffinata e di facile comprensione alterna metri diversi, dal 7/4 al 3/4 al 5/4 al 4/4: composizione questa influenzata dalla scrittura di Mays e Metheny a cui Cosentino già al suo disco d’esordio era stato affiancato.

Commento di Filippo Cosentino:

Il disco è dedicato a mia figlia Prisca, immaginata nel grembo materno come ua astronauta che fluttua e gira su se stessa.
Sono molto orgoglioso di questa produzione, e sono stato molto fortunato ad avere la possibilità di lavorare in strudio con tre grandi musicisti come Jesper Bodilsen, Andrea Marcelli e Antonio Zambrini sono. Hanno condiviso le loro proposte con me per aumentare la qualità del suono del CD. Ho scritto tutte le composizioni tra luglio e l’inizio Settembre 2014 e ciò che si ascolta è il risultato di quattro giorni incredibili al tubo Recording Studio in Fara in Sabina, in cui l’energia e il pensiero positivo scorreva nella musica per creare qualcosa di grande. Anche se le composizioni sono in qualche modo legate ai miei precedenti lavori (“Lanes” e “Human being”), queste canzoni sono un nuovo e importante passo avanti nel mio modo di pensare composizione jazz. La melodia è sempre centrale in tutto quello che penso, così come la condivisione di idee melodiche e ritmiche con altri grandi musicisti come Andrea, Antonio e Jesper. Jazz come penso io traggo dalla vita musicale la mia esperienza sia, e così molte sono le influenze di genere. Non potevo scegliere meglio compagni di viaggio per questo lavoro; hanno profondamente capito il mio mondo musicale e, come grandi sarti, che con tatto mi cucivano una tela che ritengo essere la più bella ho disegnato fino ad ora.

Cosentino, Zambrini, Bodilsen e Marcelli (ph. Momy Manetti)
Cosentino, Zambrini, Bodilsen e Marcelli (ph. Momy Manetti)

Note di copertina a cura di Andrea Marcelli:
Le qualità musicali di Filippo Cosentino che sin dal principio mi hanno colpito maggiormente sono stati i colori delle sue chitarre acustiche e l’apertura verso quegli! elementi nuovi e sconosciuti che si creano estemporaneamente e che sono indispensabili per costruire dei veri valori artistici. Dal punto di vista umano mi hanno invece colpito la sua determinazione e la tendenza a costruire sempre valori positivi. Tutto questo ha portato felicemente alla nascita di questo nuovo album “L’astronauta”, che vede il notevole sviluppo di Filippo Cosentino anche dal punto di vista compositivo. E` interessante sentire intensamente, dentro le composizioni, la sua vita interiore scorrere attraverso i suoni e le modulazioni. Si sente anche il suo dualismo interiore tra` Sud e Nord, un contrasto che lui riesce a risolvere unendo il tutto e filtrando i suoi colori personali per trasformarli in poetica musicale…! Importante anche sottolineare i vari e diversi generi di matrice Jazz che si susseguono nell’album in maniera armoniosa. L’andatura delle dinamiche e appunto dei vari generi sono sempre il risultato dell’esigenza interiore del quartetto, sono creati e trovati al momento della registrazione, un vero bisogno istintivo derivato dal dialogo jazzistico e non da decisioni prese in anticipo… vi auguro un felice ascolto continuato nel tempo!

Formazione che ha inciso
Filippo Cosentino chitarra acustica e classica
Antonio Zambrini pianoforte
Jesper Bodilsen contrabbasso
Andrea Marcelli batteria
Prodotto da ERL e Filippo Cosentino
Produzione artistica di Filippo Cosentino e Andrea Marcelli

Tracklist
Mediterranean clouds – Filippo Cosentino
Nessie – Filippo Cosentino
L’astronauta – Filippo Cosentino
More than times – Filippo Cosentino
Inside the blue – Filippo Cosentino
Momento – Cosentino/Zambrini/Bodilsen/Marcelli (brano free jazz)
17:03 (land behind the end – Filippo Cosentino
Villero – Filippo Cosentino
Seven days – Filippo Cosentino

Release party autunno in Italia:

28 ottobre @ festival Dancing on the string, Auditorium di Settimo Milanese
29 ottobre @ Jazz Club Torino
31 ottobre @ La Cascata, Verduno (CN)

Disponibilità

Il cd L’astronauta è disponibile in tutti i negozi di dischi su catalogo IRD International Record Distribution.

Si può acquistare online su iTunes al seguente link https://itunes.apple.com/it/album/lastronauta-feat.-antonio/id1036713227?l=en